Prevenire – Proteggere nel VCO è il progetto presentato dalla sezione del VCO del Corpo Volontari Anticendi Boschivi del Piemonte AIB, Ispettorato del VCO.

Il progetto si prefigge l’obiettivo di potenziare le attrezzature tecniche e specialistiche dei volontari e delle Squadre del Corpo Antincendi Boschivi del Piemonte della Provincia del Verbano Cusio Ossola. L’elevata specializzazione dei volontari permette in qualsiasi situazione di operare e garantire le proprie prestazioni in sicurezza ed efficienza, la collaborazione operativa ed interscambiabilità nei ruoli di coordinamento e collaborazione tra le squadre, presenti sul territorio provinciale e extra provinciale, sono la base fondamentale del funzionamento del sistema operativo.

Si è quindi preferita la scelta di individuazione di attrezzature e materiali specialistici, non solo rivolte alla mera attività A.I.B., ma garantendo la loro polivalenza di utilizzo in diversi ambienti operativi e situazioni emergenziali oltre alla capacità di essere impiegate dal personale delle squadre senza particolari abilitazioni e/o specifiche capacità professionali.

Nel prossimo immediato futuro la capacità di poter intervenire primariamente nel campo della prevenzione potrà consentire la riduzione delle situazioni emergenziali.

La mancanza di manutenzione e attività di prevenzione nelle aree boscate sta comportando un forte degrado dei boschi della nostra provincia con conseguenza la possibilità di verificarsi incendi boschivi di grosse dimensioni (Es. Val Vigezzo, Val Cannobina, …) di difficile controllo e gestione con un forte dispendio di risorse economiche per le attività di estinzione. A queste situazioni di forti danneggiamento si riversano le sul territorio le forti avversità atmosferiche (Forti piogge) che sui terreni danneggiati possono causare il trasporto a valle di terre e ceneri (es. Pallanzeno,…) con conseguenti dissesti idrogeologici.
Sulla base di queste situazioni e l’analisi dei dati si vuole attrezzare le squadre operanti nel territorio con attrezzature in grado di poter intervenire più tempestivamente durante gli eventi emergenziali, ma primariamente si vuole incentivare in tutte quelle attività di prevenzione e manutenzione del territorio.
Viene così individuato un elenco di materiali e attrezzature che si intende dotare il territorio provinciale e le squadre, per migliorare le proprie prestazioni verso la collettività.

Fondazione Comunitaria del VCO si impegna a svolgere il ruolo di salvadanaio della comunità dedicando tutte le donazioni raccolte grazie alla Cena della Comunità 2019 al Corpo AIB, affinché possano raggiungere il promo obiettivo del progetto Proteggere-Prevenire nel VCO.
Inoltre, agisce da cabina di regia  del territorio promuovendo una collaborazione tra enti e istituzioni che permetta il raggiungimento dei successivi step del progetto.

Storia ed evoluzione

Le squadre A.I.B. in Piemonte nascono localmente sul territorio regionale fin dagli anni 70’ come realtà di volontariato operanti nel settore Antincendio Boschivo.
Nel 1994 viene costituita l’“Associazione Regionale Volontari Antincendio Boschivi del Piemonte” con il compito di organizzare le realtà di antincendio presenti sul territorio regionale, stipulando con la Regione Piemonte stessa apposita convenzione ai sensi della ex L.R. 16/94 diventando così componente del Servizio Regionale Antincendi Boschivi (Regione Piemonte – Corpo Forestale dello Stato – Associazione).
Nel 2000 l´associazione si trasforma in “Corpo Volontari Antincendi Boschivi del Piemonte” comportando una naturale evoluzione della realtà del volontariato AIB piemontese e viene iscritto nell´elenco delle Organizzazioni di Volontariato del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile nel 2019 il “Corpo Volontari Antincendi Boschivi del Piemonte” provvede all’adeguamento previsto dai disposti legislativi di cui al D.Lgs. 117/2019 “Codice del Terzo Settore” Il Corpo Volontari Antincendi Boschivi del Piemonte nel suo processo di trasformazione ha saputo strutturarsi in un nuovo modello organizzativo unico in tutta Italia per l´originalità, per la dimensione e per la competenza territoriale, superando il modello associativo e coniugando i compiti di tutela e rappresentanza con una più efficace gestione della linea operativa sul territorio.
Il Corpo Volontari AIB del Piemonte, componente del nuovo Sistema Operativo di lotta agli incendi Boschivi del Piemonte (Regione – Corpo Nazionale Vigili del Fuoco – Carabinieri Forestali – Corpo AIB) interviene operativamente nella prevenzione e in tutte le fasi di sorveglianza e lotta attiva agli incendi boschivi.
Il Corpo Volontari Antincendi Boschivi del Piemonte oltre a assicurare l’alta specializzazione nella materia di Antincendio Boschivo, garantisce gli interventi locali e di colonna mobile regionale per le altre attività di protezione civile e gli interventi richiesti da Dipartimento Nazionale di Protezione Civile sul territorio nazionale ed extra nazionale.

Le attività delle Squadre AIB nella Provincia del VCO

Nell’ultimo quinquennio (2014-2018) le attività svolte dal personale volontario delle Squadre AIB della Provincia del VCO sono state numerose e si possono brevemente riassumere, come segue, in ore lavorative effettuate a favore della collettività provinciale, regionale ed extra regionale:

Tra le ore e le attività svolte a favore della collettività dal personale volontario delle squadre del Corpo volontari Antincendi Boschivi del Piemonte della Provincia del Verbano Cusio Ossola si possono brevemente citare:
· Alluvione Alessandrino (Ottobre 2014)
· Assistenza Emergenza Sisma Umbra 2016
· Incendio Valle Vigezzo (2-7 Febbraio 2016)
· Alluvione Cunese e Basso Torinese (Novembre 2016)
· Incendio Valle Cannobina (14-21 Aprile 2017)
· Emergenza incendi su tutto il territorio Regionale Ottobre 2017 in particolare CN e TO
· Campagne estive AIB nella Regione Puglia Penisola del Gargano (Vari annualità)
· Intervento specializzato Emergenza Bellunese – Comune di Rocca Pietore (Novembre 2018)
· Campagna estiva AIB nella Regione Sicilia – Parco delle Nebrodi – Località Mistretta (2018)
Non da ultimo nell’anno che sta lentamente volgendo a termine le attività delle squadre della provincia del Verbano Cusio Ossola hanno continuato a dare il proprio energico contributo per la collettività distinguendosi numerose attività tra le quali si possono evidenziare:
· Attività di prevenzione attive sul territorio quali:
o Esercitazione “San Bernardino 2019” – In collaborazione con i  coordinamenti provinciali e coordinamento regionale di P.C. del Piemonte, consistente in attività preventiva di manutenzione idraulica forestale o Esercitazione “Val Bognanco 2018” – In collaborazione con la Sezione ANA di Domodossola e Comuni consistente in attività di manutenzione forestale lungo la Strada Provinciale n° 68 della Valle Bognanco o Altre collaborazioni con associazioni locali e comuni di manutenzione forestali lungo le strade  provinciali del territorio (Valle Anzasca) e di ripristino sentieri danneggiati da eventi atmosferici violenti (Nubifragi e venti violenti di Agosto)
· Attività di lotta attiva AIB (Estinzione incendi) a supporto di altre località extra Provinciali, interessate da incendi di grosse dimensioni (Givoletto, Serravalle, Crevalcuore,…)

Come si diventa volontario AIB?

Il personale del Corpo Volontari AIB del Piemonte necessita di una formazione altamente specialistica considerato l’elevata criticità operativa nel quale opera (Attività primaria – Estinzione AIB).
Il nuovo proposto volontario dopo aver effettuata l’iscrizione presso una delle squadre presenti sul territorio, e una prima verifica delle capacità effettuata dai Capisquadra, viene iscritto ai corsi di formazione che il Corpo svolge presso il Formont (sede di Peveragno) suddiviso in due livelli di formazione:
· Corso Base A di ore 16 (un weekend) – Corso teorico formativo e nozioni di sicurezza
· Corso Base B di ore 16 (un weekend) – Corso teorico – pratico con abilitazione alla elicoperazione
Successivamente alla formazione di base il volontario riceve in assegnazione il D.P.I. (Dispositivo di protezione individuale con caratteristiche ignifughe) e può diventare operativo. Con successiva cadenza il volontario per mantenere la propria operatività dovrà effettuare alcuni corsi di
aggiornamento e richiamo.
La formazione specialistica prosegue con successivi altri corsi di formazione che consentono l’abitazione alle attività di coordinamento, consistenti in:
· Corso Capisquadra di ore 32 (due weekend) – Corso teorico
· Corso DOS/formatore di ore 16 (un weekend) – Corso teorico
Sui territorio e nel tempo vengono poi svolte altre attività formative facoltative che consentono ai volontari di acquisire ulteriori abilitazioni e professionalità specifiche, oltre allo svolgimento di esercitazioni consentendo ai volontari di conoscere nuove macchine e attrezzature che le evoluzioni tecnologiche mettono a disposizione, quali ad esempio:
· Linea AIB alta capacità
· Corsi motoseghe e lavori temporanei in quota
· Corsi USD (Unità di supporto decisionale – sala operativa AIB)
· Abilitazione addetti antincendio “Alto Rischio”
· Formazione G.I.S. e sistemi di rilevamento topografici
· Corso di formazione su Fuoco prescritto
· Operatori CO.AIB. (Coordinatore Operativo volontari del Corpo AIB)

Il Corpo Volontari AIB del Piemonte nella Provincia del Verbano Cusio Ossola
Il Corpo Volontari AIB del Piemonte nella Provincia del Verbano Cusio Ossola rappresenta l’11% delle forze operative presenti sul territorio regionale, il suo organigramma è così riassunto:
ISPETTORATO PROVINCIALE n° 1 Ispettore e n° 2 Vice Ispettori
AREE DI BASE 9 Comandanti di distaccamento
SQUADRE 32 Capisquadra
VOLONTARI – N° 572 Volontari (di cui 377 effettivi, n° 74 di supporto operativo e 121 di supporto generico.

Per sostenere il progetto “Prevenire e proteggere nel VCO” fai una donazione inserendo nella causale “AIB VCO”:

  • Bonifico bancario
    IT81O0306909606100000000570
  • Bollettino postale
    c/c nr. 1007819913
  • Donazione online (PayPal)
    Usando questo pulsante

Attenzione attualmente le donazioni effettuate attraverso la Fondazione non sono detraibili non essendo una Onlus, e non sono deducibili perché la  Fondazione non possiede le specifiche richieste per poterlo fare. Non appena sarà attuata la Riforma del Terzo Settore, comunicheremo nuove direttive.

Si ricorda che la cultura del dono promossa dalla Fondazione sul territorio del Verbano Cusio Ossola è a beneficio dell’intera nostra comunità e che l’importo donato va totalmente alla causa individuata dal donatore, secondo i suoi fini filantropici.

SICUREZZA DONAZIONI ONLINE

Puoi pagare in tutta sicurezza con Paypal oppure direttamente con carta di credito.